Perché credo nel design legato alla produttività: Microsoft Fluent

Eccomi di ritorno dopo poco più di una settimana di pausa, periodo nel quale ho scelto di recuperare gli impegni che avevo e di migliorare tutto l’apparato che mi permette di gestire al meglio il podcast. Soprattutto, in questa settimana, ho passato del tempo ad informarmi e a seguire alcune spiegazioni su importanti concetti in ottica design e, soprattutto, quest’ultimo legato alla produttività. Microsoft finalmente sta per introdurre definitivamente il suo nuovo design in tutti i suoi prodotti software: si tratta del Fluent Design, che non soltanto mira a reinventare completamente la grafica dei prodotti digitali della casa di Redmond, ma realizza anche l’idea assoluta di lavoro del team di sviluppo Microsoft. Una sorta di filosofia del linguaggio dello smart working.

In questa mia disamina, approfondirò anche la mia linea di pensiero, la chiave del mio linguaggio con l’ambiente e di come riesca ad andare per molti tratti di pari passo a quello di Microsoft, senza evitare critiche e complimenti, nel mio solito stile.

Nella seconda parte, un veloce recap di Android 11, alla prime Developer Preview pubblica, con l’elenco dei principali cambiamenti e di come la tecnologia si stia evolvendo troppo spesso senza una precisa organizzazione, cercando di portare tutto subito ed arrivando poi senza più nulla di “wow” da offrire.